Advertisement
COMUNI

Volla senza assessore, pollice verso di Area Comune. Manfellotti: “politiche sociali in stallo per incapacità amministrativa”

LUCIANO MANFELLOTTI

Volla. La cittadina annonaria è senza vicesindaco e senza assessore a Politiche sociali, Sport ed edilizia sportiva, Pari opportunità, Pubblica istruzione ed edilizia scolastica, Piano per gli insediamenti produttivi da più di un mese e precisamente dallo scorso 22 febbraio quando il sindaco Andrea Viscovo mise alla porta Maria Coppeto. Una situazione che, secondo i centristi vollesi dimostrerebbe l’esistenza di una vera e propria crisi politico-amministrativa in atto nella stanza dei bottoni del Municipio di via Aldo Moro. “L’incapacità di un sindaco a nominare un assessore è la dimostrazione inconfutabile di come questi sia sotto scacco della sua stessa maggioranza ed impossibilitato a fare scelte autonome, a cominciare dal conferire un incarico strettamente fiduciario, come un posto in Giunta, per paura che un solo scontento possa mandarlo a casa perché, ricordiamolo, basta il tradimento di un esponente di maggioranza perché Viscovo non abbia più la maggioranza in Consiglio comunale”. A parlare è Luciano Manfellotti (nella foto), capogruppo di Area Comune nell’Assise vollese che punta l’indice contro il Governo locale perché “le bagarre interne alla compagine che sostiene il primo cittadino stanno bloccando le azioni amministrative in un settore fin troppo delicato, quello delle politiche sociali”. “Sebbene Viscovo abbia tolto la supervisione del settore ad un assessore da lui dichiarato inadeguato dopo pochi mesi dal giorno in cui lo aveva personalmente scelto – ha chiarito il consigliere comunale di minoranza –ed abbia preso in mano le redini dello stesso  nulla è stato fatto, in termini di provvedimenti, a tutela delle fasce più deboli della popolazione che continuano a lamentarsi del totale disinteresse dell’amministrazione locale nei loro confronti”. Il leader della compagine centrista esterna la propria preoccupazione e quella di “tutti i consiglieri comunali di minoranza che – ha sostenuto – sono pienamente d’accordo con il sottoscritto sulla questione tanto che il sindaco dovrà darci risposte concrete già nella riunione del Parlamentino in programma per domani”. Viscovo, che dal ‘siluramento’ della Coppeto ha anche le deleghe di quest’ultima, aveva già trattenuto ad interim, fin dal giorno della nomina della squadra di governo, le deleghe a lavori pubblici ed edilizia privata, urbanistica, piano urbanistico comunale ed efficientamento energetico, “con un carico di lavoro gravoso sulle spalle di una sola persona – ha aggiunto Manfellotti – e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, soprattutto della popolazione maggiormente in difficoltà”. I moderati vollesi puntano l’indice contro il sindaco perché ha defenestrato la Coppeto “senza designare un sostituto ancor prima di mandarla via – ha spiegato ancora il consigliere – in modo da non lasciare le politiche sociali senza un supervisore” e mostrano il pollice verso contro l’intera compagine di governo che “dopo un lasso di tempo più che considerevole dalla revoca dell’assessora – ha concluso il politico – ancora non ha permesso la nomina di un nuovo delegato”.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.