Advertisement
SPECIALE ELEZIONI COMUNALI A VOLLA

Elezioni Comunali 2016, Volla alle urne

VOLLA – Il popolo vollese è nuovamente chiamato alle urne, dopo la repentina fine dell’ultima amministrazione comunale di centrosinistra e un paio d’anni circa di Commissariamento dell’Ente di via Aldo Moro. Gli abitanti della cittadina dell’hinterland vesuviano torneranno in cabina, il prossimo giugno, per eleggere sindaco e consiglio comunale ma, quando mancano due mesi alle votazioni, il quadro politico locale non è ancora del tutto chiaro e numerosi sono i nodi ancora da sciogliere. La prima certezza è che il Partito Democratico punta ancora una volta su un medico, Domenico Viola, ex consigliere comunale, la cui candidatura sarebbe appoggiata anche da un listino civico, capitanato da Giuseppe Granato, cognato dell’ex sindaco Guido Navarra ma volto poco conosciuto dalla politica istituzionale. Il primo punto interrogativo, invece, è posto dalle voci di corridoio che sostengono che nel trust pro-Viola ci sarà anche Sinistra, Ecologia e Libertà ma, poiché al vertice del partito in regione c’è Riccardo Festa e visti i suoi pessimi rapporti con l’ex sindaco Guadagno e con il suo Pd che lo defenestrarono da assessore all’urbanistica, questa ipotesi sembrerebbe quanto mai azzardata. Altro grosso enigma è quello sul futuro politico di Forza Italia: l’ex leader cittadino dei berlusconiani, Salvatore Ricci, ha dato forfait e per ora non sembrerebbero esserci nomi in lista per la carica di primo cittadino; sul territorio la sede del partito è quasi sempre chiusa e nessuno ha ancora rivendicato il titolo di coordinatore locale nonostante il voto sia ormai quasi alle porte. Fratelli d’Italia e Alleanza Nazionale scendono in campo per consentire all’ex consigliere comunale ed assessore (esecutivo Ricci) Giuseppe Annone di indossare la fascia tricolore. Nel pool del centrodestra anche Fr2016-29-2--12-17-08ancesco Esposito, altro ex assessore, lui però dell’ultimo governo di centrodestra, che fu defenestrato dall’allora sindaco di Fi. Poi c’è ‘Area Comune’ che non ha ancora un nome certo per la carica più importante del Palazzo di Città ma che starebbe costruendo, mattone dopo mattone, la compagine che accoglierebbe, a quanto si dice, volti noti della politica locale come l’ex sindaco Angelo Guadagno (Pd), Pasquale Petrone (Udc), Mariarosaria Bonocore (Pd), Luigi Petrone (Pd) e Luciano Manfellotti (‘Moderati per Volla’) che al momento sembra il più quotato per la corsa alla fascia tricolore. Andrea Viscovo, giovane politico locale ed ex consigliere comunale, scende in campo con una cordata di liste civiche, che sembrerebbe raccogliere consensi sia dagli elettori di centrodestra che di centrosinistra e che lo sosterrà nella scalata al Municipio di Volla. Le primarie interne al ‘Movimento 5 Stelle’ per la scelta del proprio leader, si dice le abbia vinte l’attivista Ciro Petriccione che però pare abbia anche rinunciato alla candidatura a sindaco ed anche a consigliere comunale in favore di Sergio Vaccaro, che ha già tentato in passato di diventare il primo sindaco grillino del paese e che sarebbe sostenuto con forza dai movimentisti della prima ora dopo la scissione interna che ha travolto anche i pentastellati vollesi. Questa è la situazione politica attuale a Volla ma le carte saranno scoperte ufficialmente un mese prima delle elezioni quando candidati a sindaco ed a consigliere comunale, liste e coalizioni saranno ufficializzate definitivamente.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.