Advertisement
COMUNI

Tassa sui rifiuti, ‘bollette più leggere’ a San Giorgio a Cremano. Ok del Consiglio comunale alla riduzione della Tari

SConsiglio San Giorgioan Giorgio a Cremano. Riduzione della tassa dei rifiuti dell’anno 2017 per gli abitanti della città dell’hinterland vesuviano, governata dal centrosinistra del sindaco Giorgio Zinno. E’ quanto stabilito nel corso della riunione del Parlamentino locale di ieri con 17 favorevoli, nessun parere contrario e l’astensione dei consiglieri comunali pentastellati che hanno abbandonato l’aula prima della votazione del provvedimento. L’azione politico-amministrativa, finalizzata alla riduzione della pressione fiscale, “consentirà – si legge in una nota ufficiale dei vertici comunali sangiorgesi – un risparmio complessivo per la  cittadinanza di 423mila euro rispetto allo scorso anno, grazie alle azioni di contrasto all’evasione messe in campo dal Settore Programmazione Economica“. Il Governo locale sottolinea anche come la Tari in città sia inferiore del 20% circa a quella delle città vicine, tra cui Portici ed Ercolano, “grazie – ha sottolineato l’assessore Michele Carbone ad un atto che l’amministrazione ha voluto fortemente per alleggerire il peso fiscale su cittadini e commercianti e che dimostra un meticoloso lavoro sul bilancio comunale“.  “Oggi – ha aggiunto ancora l’assessore – possiamo affermare di aver portato a compimento un atto che inciderà positivamente sulla vita dei cittadini. Certamente c’è ancora da lavorare sulla raccolta differenziata, e in questo senso devono aiutarci gli stessi cittadini, ma nel frattempo l’amministrazione ha fatto un grande sforzo”.  Una parte della minoranza politica, però, ha lasciato l’aula prima della votazione “in dissenso rispetto all’approvazione del Piano Tari per l’anno 2017“. I quattro consiglieri comunali pentastellati, infatti, hanno scelto di astenersi dall’approvazione delle  nuove disposizioni sulla tassa comunale perché “non riteniamo questa diminuzione adeguata a ciò che si sarebbe potuto fare se si fossero attuate già dagli anni passati strategie più proficue per la lotta all’evasione attraverso strumenti più incisivi e forse anche più elementari“, ha spiegato Danilo Roberto Cascone, portavoce dei grillini della città vesuviana. “La riduzione tariffaria approvata oggi in aula, che sarebbe passata indipendentemente dalla nostra presenza,  – ha precisato inoltre  il consigliere comunale di opposizione – rappresenta ben poca cosa considerando quanto avrebbero potuto pagare i sangiorgesi se fosse stata attuata una seria attività di recupero delle somme evase; il costo del servizio di igiene urbana fosse stato più contenuto e la raccolta differenziata fosse stata maggiormente incentivata“. I movimentisti sottolineano che la tassa sulla spazzatura sarebbe stata ridotta solo in riferimento all’incremento del numero dei contribuenti mentre puntano anche l’indice contro gli amministratori locali e gli uffici comunali preposti che, a loro dire, non sarebbero stati capaci di recuperare i soldi dei contribuenti che fino a questo momento non hanno pagato il balzello, tanto che “per questa ragione, nei mesi scorsi  – ha spiegato infine Cascone – abbiamo presentato un esposto alla Corte dei Conti a causa di alcune incongruenze emerse a seguito dell’opera di accertamento posta in essere dal nucleo di Polizia tributaria e dal Settore competente dell’Ente“. L’Organo di Governo ha disposto uno sconto del 5% per tutte le utenze domestiche; del 20 % per ristoranti, pizzerie, trattorie, bar, pasticcerie, gelatieri, ortofrutta, pescherie, fiorai e vivai, (le categorie maggiormente martoriate negli anni scorsi), ma anche per uffici, agenzie, studi professionali ed autoscuole; del 21 % per le associazioni sportive ed, infine, del 50 % per le associazioni culturali. “Stiamo portando avanti – spiega il sindaco Giorgio Zinnol’impegno preso con la città al momento del nostro insediamento: migliorare il servizio e far calare il costo sostenuto dai cittadini. Oggi dimostriamo come il lavoro del 2016 ha prodotto equità fiscale sulla base del principio pagare tutti per pagare meno“. “Voglio ringraziare – ha continuato la fascia tricolore sangiorgese – il personale del Comune che ci ha consentito di raggiungere questo traguardo: il dirigente, dott. Falasconi, il funzionario dott.ssa Buono ed i loro collaboratori. Nei mesi scorsi il Settore Programmazione Economica ha subito duri ed ingiustificati attacchi da parte di soggetti che si ergevano a professori, ma che poi hanno dimostrato la loro pochezza, mentre i dipendenti hanno silenziosamente raggiunto un obiettivo di assoluto rilievo. Abbiamo l’obiettivo di diminuire ogni anno la Tari e siamo già al lavoro per abbassare nuovamente le tariffe nel 2018. Questo per noi vuol dire rispettare gli impegni elettorali e fare gli interessi dei sangiorgesi: questo solo ci sta a cuore, ieri come oggi.” 

 

 

 

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.