Advertisement
COMUNI

‘Strisce blu’ a Volla, Andrea Viscovo e Vincenzo Del Vecchio difendono il piano contro la sosta selvaggia in città

Volla. “Il provvedimento delle strisce blu adottato in giunta è stato studiato per risolvere concretamente il problema della viabilità sul territorio e sopratutto non aveva ancora concluso il suo iter. Infatti, se si legge la delibera, è stato demandato al responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale l’individuazione degli stalli nelle aree da noi individuate: ciò, ovviamente, si sarebbe fatto secondo le esigenze dei commercianti che in buona parte erano già stati ascoltati, non solo in campagna elettorale, ed avevano più volte rimarcato tale necessità“. E’ quanto sostiene con forte determinazione l’ex sindaco della cittadina annonaria Andrea Viscovo, firmatario della delibera per l’istituzione della sosta a pagamento sul territorio comunale, in risposta alle critiche mosse contro il provvedimento dai moderati locali che “continuano in modo autoreferenziale a fare solo propaganda, dimenticando – ha chiarito l’ex primo cittadino – di essere i responsabili dell’assenza della politica sul territorio in questa fase storica“. La fascia tricolore che ha amministrato il paese per poco meno di un anno accusa i suoi avversari politici di strumentalizzare la questione per fini elettorali “con attacchi contro i nostri provvedimenti senza che – ha puntualizzato ancora Viscovo – ci siano mai state controproposte serie e concrete ed, infatti, la differenza tra il nostro gruppo politico ed il loro è che noi siamo quelli dei fatti mentre loro quelli delle parole“. Il piano parcheggi era stato uno degli ultimi atti votati all’unanimità dall’amministrazione comunale pochi giorni prima che questa fosse sfiduciata dal Parlamentino locale sul bilancio con conseguente commissariamento dell’Ente di via Aldo Moro da parte della Prefettura di Napoli: con la sosta a pagamento “si cercava di dare una risposta immediata al problema parcheggio ma – ha spiegato l’ex assessore comunale Vincenzo Del Vecchio, propositore della manovra – soprattutto ad un costo bassissimo per i cittadini; la spesa per un’ora di sosta era di 60 centesimi di euro praticamente meno di un caffè con una tariffa minima di 10 centesimi per dieci minuti di sosta. Erano state inoltre previste delle forme di abbonamento con tariffe differenziate per i residenti e non, ed inoltre previste altre agevolazioni per chi pagasse anticipatamente l’abbonamento“. “Volla ha grandissimi problemi di viabilità, in particolare il centro della città vive situazioni di sosta selvaggia, in alcuni casi gli stessi imprenditori e commercianti si lamentano dei comportamenti non solo dei cittadini consumatori automobilisti ma degli stessi colleghi imprenditori, che parcheggiano più vetture negli spazi di sosta occupandoli per l’intera giornata e non lasciando spazio per parcheggiare agli stessi consumatori“, ha aggiunto ancora l’esponente dell’ex Amministrazione locale. Il piano per la gestione del traffico urbano e della mobilità locale formulato dal governo locale eletto nel 2016, prevedeva l’affidamento della gestione delle aree di sosta a pagamento, comprensivo di fornitura, installazione e gestione convenzionata di parcometri e servizio di ausiliari del traffico: nello stesso provvedimento erano state anche individuate le zone del territorio vollese destinate ad ospitare le ‘strisce blu’ e stabilite le tariffe per il parcheggio a pagamento nelle stesse. “A dimostrazione della bontà del nostro provvedimento e della continuità del nostro impegno politico sul territorio, in questi giorni ho incontrato svariati commercianti che mi hanno espresso il desiderio di avere delle strisce blu a pagamento secondo i criteri da noi proposti ovvero con una tariffa a minutaggio e con un minimo di 0,10 centesimi (corrispondente a 10 minuti) e soprattutto con l’individuazione di svariati parcheggi liberi nelle aree e nelle strade perimetrali per decongestionare il traffico cittadino“, ha assicurato Viscovo, difendendo il suo operato e quello della sua squadra di governo.

Vincenzo Del Vecchio (2)Le strisce blu non possono sicuramente essere considerate la ‘bacchetta magica’ per risolvere i problemi del traffico urbano e della viabilità vollese: oltre alla realizzazione di un adeguato piano parcheggi, è infatti necessario mettere in campo ulteriori misure che regolamentino la questione in maniera definitiva. E su questo sembra che, stranamente, tutti i politici locali siano d’accordo. Tra le proposte più quotate a riguardo c’é quella dell’assunzione di vigili urbani a tempo determinato, sulla paternità della quale però non mancano litigi. Nei giorni scorsi, infatti, il leader dei moderati vollesi Luciano Manfellotti aveva rimproverato Viscovo e gli ex amministratori di non aver ascoltato il suo consiglio a riguardo, sottolineando come “la proposta che avevamo fatto all’ex primo cittadino ed ai suoi collaboratori era stata bocciata senza se e senza ma, insieme a tutte le altre“. Alle dichiarazioni del centrista, ha subito controbattuto l’ex assessore comunale con delega al Bilancio, Tributi, Sportello Unico Attività Produttive, Commercio, Dismissione Patrimonio Immobiliare, Personale, Trasporti e Mobilità, Protezione Civile: “Sono dispiaciuto da questa affermazione, devo dire che è totalmente infondata oppure che Manfellotti era ed è lontano da quello che significa Amministrare”. “Nel fabbisogno del personale, atto collegato tra l’altro al bilancio di previsione triennale erano previste, oltre ad altre assunzioni in altri servizi, – ha puntualizzato infatti Del Vecchio – assunzioni di vigili a tempi determinato tenuto conto dei limiti che la legge prevede per l’assunzione di questa particolare categoria. Infatti per prevedere nel fabbisogno del personale queste tipologie di assunzioni si doveva tener conto di alcuni aspetti quali il costo del personale a tempo determinato sostenuto nel 2009, costo certificato attraverso una serie di atti dall’ufficio ragioneria e del personale che hanno avuto inizio dal gennaio 2017; inoltre il leader di Area Comune insieme con i moderati e indipendenti vollesi poteva verificare che tra gli atti di giunta c’era anche una delibera che prevedeva l’utilizzo di parte delle contravvenzioni all’assunzione dei vigili a tempo determinato“.

ARTICOLI CORRELATI

PM VOLLAPiano viabilità a Volla, Area Comune contro le ‘strisce blu’ dell’ex sindaco Viscovo

‘Strisce blu’ a Volla, l’ultima delibera dell’Amministrazione Viscovo

‘Street control’ a Volla, studio di fattibilità al vaglio del Comando Polizia Municipale del paese

Nuovo Piano di viabilità a Volla, Amministratori locali e commercianti al lavoro per uno street control efficace

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.