Advertisement
SOCIALE

Sostegno ai genitori in difficoltà, sportello di mediazione familiare a San Giorgio a Cremano

San Giorgio a Cremano. L’amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Zinno ha istituito lo “Sportello di Sostegno alla Genitorialità”,  d’accordo con l’assessorato alle Politiche Sociali, la cui delega è affidata a Giovanni Marino. Si tratta di un servizio di responsabilità familiare, pronto a dare un primo aiuto a tutte le famiglie in difficoltà su temi quali: mediazione familiare, separazione e divorzio, affidamento condiviso, disagi e maltrattamenti in famiglia. Allo sportello possono rivolgersi anche madri lavoratrici ed ex-lavoratrici, precarie e immigrate ma residenti sul territorio e più in generale genitori che desiderano anche solo confrontarsi.

????????????

Lo sportello sarà aperto entro 10 giorni presso il centro Polifunzionale in via Mazzini a San Giorgio a Cremano, tutti giorni nelle ore mattutine, fino alle 13. Si avvarrà della competenza di psicologi, avvocati ed esperti in materia legale, assistenti sociali, educatori e mediatori culturali. I servizi sociali integrativi, così come previsti dal progetto che rientra nell’ambito 28, di cui San Giorgio è capofila, sono riservati alle famiglie residenti nei due comuni (San Giorgio a Cremano e San Sebastiano al Vesuvio) e agli stranieri ma con regolare certificato di residenza. Già lo scorso anno il servizio di S.O.S alle famiglie ha registrato decine di casi e accompagnato altrettanti genitori in condizione di disagio nei percorsi di crescita dei loro figli trovando supporto e reale conforto in situazioni di difficoltà, compreso quelle   giuridico-economiche e psicologiche. Lo sportello di Responsabilità familiari è finanziato dalla Regione Campania e quindi è a costo zero per l’amministrazione. “Si tratta di un progetto sul quale  il comune di San Giorgio a Cremano intende puntare molto – spiega il sindaco Giorgio Zinno. Siamo la città dei bambini e delle bambine ed investiamo molto sul sociale per garantire, tra gli altri, il diritto alla genitorialità, evitando situazioni di marginalità e  di esclusione sociale. Consapevoli  dei risultati già ottenuti, abbiamo incrementato il servizio, sicuri di essere un valido aiuto nelle molteplici situazioni di difficoltà”. Con questo servizio pubblico di Mediazione Familiare – conclude Giovanni Marinoci impegniamo anche a favorire l’equilibrio tra tempi di vita e di lavoro dei genitori, per promuovere sempre più le buone relazioni familiari e non intervenire esclusivamente in caso di situazioni di conflitto”. (Comunicato stampa)

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.