Advertisement
COMUNI

San Giorgio a Cremano festeggia Massimo Troisi nel giorno in cui avrebbe compiuto 64 anni

ImmagineSan Giorgio a Cremano ha reso omaggio a Massimo Troisi, il suo più illustre cittadino, nel giorno in cui avrebbe compiuto 64 anni e lo ha fatto inaugurando l’opera murale a lui dedicata, realizzata da un artista di fama mondiale, Jorit Agoch, che “in arrivo dal Sudamerica ed in partenza per la Cina ha lasciato a San Giorgio un’opera del genere”, ha sottolineato il sindaco Giorgio Zinno. Sul muro perimetrale del ‘Palaveliero’ in via Galdieri, da stamattina, saranno visibili, illuminati giorno e notte, un ritratto della stella del cinema partenopeo, scomparso nel 1994 e tre murales che ripropongono altrettante scene dei suoi film più famosi: ‘Ricomincio da tre’ del 1981, ‘Il postino’ del 1994 e ‘Non ci resta che piangere’ del 1984.  “Vogliamo che gli artisti sangiorgesi abbiano a disposizione uno spazio in città dove esprimere la propria arte e ricordare una personalità come Massimo Troisi che ha fatto conoscere la nostra città nel mondo. Ricordo, infatti, che a chi gli chiedeva se fosse di Napoli, lui rispondeva «no, di San Giorgio a Cremano». Con l’orgoglio di essere cittadini di questa nostra città, dobbiamo ricordare una persona del suo calibro”. Ha sottolineato la fascia tricolore Zinno.

Il primo cittadino ha poi annunciato che l’omaggio artistico al grande attore e regista sangiorgese è solo il primo di una lunga serie che vedrà altricameringo_20170219_113730 dipinti ricolorare i muri della città dell’hinterland vesuviano, a cominciare da quelli della piazza principale, intitolata proprio a Troisi. “A breve, il Consiglio comunale approverà il regolamento sul writing dopodiché – ha spiegato ancora il sindaco – verrà pubblicato un bando di interesse per la realizzazione di nuovi murales”. Alla ‘festa di compleanno’ di Troisi, hanno partecipato, oltre al primo cittadino ed agli amministratori, il presidente dell’Istituzione Premio Massimo Troisi, Salvatore Petrilli, gli imprenditori del Palaveliero che hanno reso possibile la realizzazione dell’opera e tanti cittadini e cittadine che si sono fermati ad ammirare il murales.

cameringo_20170219_113833Tra le autorità presenti anche il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, in rappresentanza di Palazzo Santa Lucia, che ha sottolineato come “i murales siano stati un modo davvero meraviglioso per ricordare Troisi perché questa forma d’arte è in continua crescita e sta diventando anche motivo di attrazione per i turisti che, ad esempio, a Napoli, fanno veri e propri tour per vedere i murales”.  Il ricordo grafico, non è però l’unico dono che San Giorgio a Cremano ha voluto fare al suo cittadino più famoso: in occasione del trentennale della realizzazione del film ‘Le vie del Signore sono finite’, la pellicola sarà proiettata gratuitamente, come atto di ossequio a Troisi. Ma il regalo più bello per l’artista sangiorgese è che il 2017 vedrà ripartire il famoso premio a lui intitolato che sarà finanziato anche dalla Regione Campania, come sottolineato dal consigliere Borrelli.  

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.