Advertisement
AMBIENTE ED ECOLOGIA

Riqualificazione delle aree verdi vollesi, Vaccaro (M5S): “la questione sulla scrivania del Prefetto di Napoli”

photo_2017-03-25_10-38-16Volla. Le modalità con le quali l’Amministrazione comunale vollese ha piantumato dieci nuovi alberi sul territorio della cittadina annonaria saranno segnalate al Prefetto di Napoli. E’ quanto comunicato dal portavoce locale dei grillini e consigliere comunale di opposizione Sergio Vaccaro dopo l’annuncio dell’Amministrazione comunale a riguardo della riqualificazione delle aree verdi abbandonate del paese. In una nota, il rappresentante cittadino del Movimento 5 Stelle contesta al Governo vollese, presieduto dal sindaco Andrea Viscovo,  la scelta di comprare gli arbusti, piantati in via San Giorgio e via Petrarca, spendendo quasi 3mila euro (2.952.40 €) mentre, a dire dei movimentisti locali, ancora non sarebbe stata completata la piantumazione di 2250 dei 2500 alberi che nel 2012 era stata affidata ad una ditta, vincitrice di regolare appalto con l’Ente di via Aldo Moro mentre l’assessore Gianluca Pipolo, era già delegato al settore del sindaco democrat  di allora, Angelo Guadagno. La questione era stata sottoposta all’attenzione del Consiglio Comunale a luglio del 2016 quando Pipolo, riconfermato nella nuova Giunta dal sindaco Viscovo,  con le stesse deleghe che aveva nella precedente squadra di governo, era stato interrogato sull’argomento proprio dal consigliere comunale pentastellato: “sono passati nove mesi e, non avendo ricevuto ancora nessuna risposta in merito, ci vediamo costretti ad inviare una segnalazione al Prefetto di Napoli – si legge nel comunicato dei movimentisti vollesi –  Acquisiremo anche tutta la documentazione della gara di appalto, per verificare se gli alberi acquistati erano già contemplati nel capitolato ed eventuale proposta migliorativa, (che generalmente aiuta a vincere la gara contro le altre ditte) per inviarla alla Corte dei Conti ed in Procura per capire anche per quale motivo non si è cercati di ridurre i costi“. SERGIO VACCAROQualche giorno fa, con comunicato ufficiale, l’assessore comunale ad Ambiente ed Ecologia, Gianluca Pipolo, aveva sottolineato come la piantumazione di nuovi arbusti per le strade del paese rientrasse tra gli obiettivi di riqualificazione urbana fissati dal Governo eletto a giugno scorso (leggi qui) e sottolineato come, oltre a questo, numerosi altri progetti siano in cantiere per rendere Volla, una città più vivibile.  I grillini della cittadina annonaria, però, puntano l’indice contro gli amministratori locali anche perché non avrebbero fatto ricorso ai “Vivai Forestali Regionali che – sottolineano i pentastellati – distribuiscono produzioni vivaistiche a titolo gratuito se la richiesta è presentata da enti pubblici, tra cui le amministrazioni comunali, che attuano interventi di forestazione di iniziativa pubblica; progetti volti allo sviluppo, alla promozione ed alla diffusione di aree a verde; programmi di abbellimento di centri abitati, di parchi e di spazi verdi“. Sotto la lente d’ingrandimento dei movimentisti locali ci sarebbe anche la mancata ottemperanza dell’Amministrazione vollese ai dettami della Legge 10/2013 (Art. 2 comma 1) che “impone ai comuni sopra i 15.000 abitanti – spiega infine Vaccaro – di piantare un nuovo albero per ogni nuovo nato. Si chiedono sacrifici ai cittadini e poi non si fa nulla o poco per ottimizzare le poche risorse economiche del Comune di Volla“.

 

 

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.