Advertisement
COMUNI

Revoca del Presidente del Parlamentino di San Giorgio a Cremano, i commenti alla sentenza del Consiglio di Stato

ciro russoSan Giorgio a Cremano. Ciro Russo non è più il Presidente dell’Assise cittadina sangiorgese. Lo ha di fatto sentenziato, in via definitiva, la V sezione del Consiglio di Stato che ha bocciato il ricorso presentato dal consigliere comunale di ‘LiberaMente San Giorgio’ contro la decisione della maggioranza del civico consesso locale che lo aveva destituito dall’incarico di dirigere l’organo di governo cittadino. La decisione del Consiglio di Stato mette fine ai continui spodestamenti e reintegri della seconda carica istituzionale del paese che, già durante la prossima riunione del Parlamentino locale, sarà sostituito definitivamente. Non mi fermerà certamente una sentenza del Consiglio di Stato. – ha commentato Russo sui social network – Continuerò sulla strada intrapresa a tutela dei cittadini e delle casse dell’Ente”. Non mi spaventa certamente continuare a difendere i cittadini da capogruppo del movimento civico Liberamente San Giorgio, anzi sono certo e convinto che adesso sono più libero nelle azioni a tutela della collettività”, ha aggiunto ancora il politico sottolineando comele cattiverie sono come le processioni partono e arrivano sempre al punto di partenza”. In seguito alla decisione del Consiglio di Stato, che ha riconosciuto la piena legittimità della revoca dell’ormai ex presidente del Consiglio Comunale, i partiti di maggioranza che sostengono il primo cittadino Giorgio Zinno nell’azione di governo, hanno espresso, in una nota congiunta, la propria soddisfazione per il deliberato dei giudici: “non abbiamo mai avuto il minimo dubbio che la revoca di un presidente del consiglio che è venuto meno ai suoi doveri di imparzialità e di terzietà e che, con centinaia di note, interrogazioni e richieste di atti, da mesi ha concentrato la sua attenzione su alcuni settori, contribuendo a paralizzare l’attività degli assessorati e a creare un clima di sospetto all’interno dell’ente, fosse assolutamente corretta”, si legge infatti nel comunicato stampa ufficiale. La decisione del Consiglio di Stato è stata ufficializzata poco prima della riunione del Consiglio cittadino di ieri che, naturalmente, non è stata celebrata e rinviata a data da destinarsi quando il primo punto all’ordine del giorno sarà la scelta del nuovo capo del consesso.Giorgio Zinno SindacoIl consigliere Russo ha già fatto perdere troppo tempo all’attività amministrativa. I cittadini meritano risposte concrete che la maggioranza ha intenzione di continuare a dare, confermando ancora una volta la piena fiducia al sindaco Giorgio Zinno e continuando a lavorare per migliorare la nostra città”, hanno assicurato i politici che siedono nei banchi dell’aula consiliare destinati alla compagine di governo. “Effettivamente, dunque, Russo  – si legge ancora nella nota del Governo cittadino – aveva avuto un comportamento non degno di un Presidente del Consiglio Comunale, come tutta la maggioranza aveva sostenuto. Con la sua pervicacia nel mantenersi attaccato alla poltrona, Russo ha creato un danno all’intera popolazione sangiorgese, generando un clima di inutile incertezza e rallentando l’attività di Consiglio Comunale”. La maggioranza consiliare è dunque soddisfatta del pronunciamento dei giudici non solo perché questi hanno sentenziato come legittima la revoca del presidente del consiglio comunale ma anche perché “il Consiglio di Stato – chiosa il comunicato ufficiale –  ha intimato a Russo di risarcire il Comune di San Giorgio a Cremano con tremila euro per le spese di giudizio, oltre a dover versare gli oneri accessori di legge. Sarà il consigliere e non la collettività a dover pagare per i suoi capricci”. 

ARTICOLI CORRELATI:

San Giorgio a Cremano, Ciro Russo destituito definitivamente dalla Presidenza del Parlamentino locale

Decreto del Consiglio di Stato, Ciro Russo nuovamente a capo del Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano

Sentenza del Tar Campania, Ciro Russo non è più Presidente del Consiglio a San Giorgio a Cremano

San Giorgio a Cremano, il Tar sospende l’elezione per la nomina del nuovo presidente del Consiglio comunale

San Giorgio a Cremano, mozione di sfiducia approvata: Russo non è più Presidente del Consiglio Comunale.

San Giorgio a Cremano. “Russo fazioso”, la maggioranza dei consiglieri chiede la testa del Presidente dell’Assise cittadina

 

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.