Advertisement
COMUNI

“Nessun azzeramento di Giunta”. Viscovo non cede ai ‘dissidenti’

Andrea Viscovo, sindaco di VollaVolla. Nessun azzeramento della Giunta comunale. La squadra di Governo della cittadina annonaria resterà quella che è e presto sarà nominato l’assessore mancante dopo il dimissionamento del vicesindaco Maria Coppeto con deleghe a Sport ed edilizia sportiva, Politiche Sociali, Pari Opportunità, Pubblica Istruzione ed edilizia scolastica, Piano per gli insediamenti produttivi. Il sindaco di Volla Andrea Viscovo è irremovibile: l’Amministrazione Comunale, eletta a giugno scorso ed attualmente caratterizzata da un momento di forte crisi, continuerà a governare il paese, con o senza il consenso degli ‘Indipendenti per Volla’. “L’auspicio è quello che si continui a fare la Politica nei luoghi preposti e non sul marciapiede o nei bar, con il rischio che si sfoci continuamente nel pettegolezzo. – ha infatti sottolineato il primo cittadino – Continueremo serenamente il nostro percorso politico impedendo a chiunque di utilizzare questi strumenti per condizionare le scelte da assumere”. La richiesta dei consiglieri comunali Ivan Aprea, Maria Rosaria Borrelli ed Antonio Forte di ‘mandare a casa’ tutti gli assessori e di formare una nuova squadra di governo (leggi qui) non sarà dunque tenuta in alcuna considerazione dal primo cittadino. “Non credo sia opportuno un azzeramento dell’esecutivo soprattutto perché – ha dichiarato Viscovo – gli assessori in carica sono capaci, professionali ed operativi e stanno portando avanti il programma elettorale con grande dedizione”. Non saranno dunque le richieste dei consiglieri ‘dissidenti’ a dettare l’agenda politica locale, nonostante la fascia tricolore potrebbe dover pagare in ‘numeri’ consiliari questa scelta. La proposta del primo cittadino di sostituire la dimissionata vicesindaco con un altro esponente del gruppo consiliare della stessa per ‘ricucire lo strappo’ interno alla maggioranza, é stata rifiutata dagli indipendenti, ed ora l’inquilino del Palazzo di Città gli ‘rende pan per focaccia’ e boccia la loro richiesta. Proporre alla Borrelli di entrare nella squadra di governo era, per la fascia tricolore, l’ennesima dimostrazione della sua apertura alle istanze dei tre ‘dissidenti’ che, però, questi non avrebbero capito e quindi apprezzato: una disponibilità al dialogo ed al confronto politico che, a suo dire, gli esponenti del gruppo consiliare indipendente avrebbero addirittura “strumentalizzata per cercare di avere, a tutti i costi, spazi politici e/o di potere diversi”. “Ho cercato di comprendere il comportamento dei consiglieri comunali anche attraverso due distinti momenti di confronto con i rappresentanti politici di ‘Indipendenti per Volla’ e si era trovato un percorso da intraprendere ma – ha aggiunto il primo cittadino – questo è stato puntualmente disatteso”. Non è detta però l’ultima parola: la fascia tricolore, infatti, non ha ancora chiuso una volta per tutte la porta del suo ufficio in comune ai tre dissidenti, anzi “resto convinto che se il piano della discussione rimane sul «ciò che è bene per la città», – ha concluso il sindaco – prima o poi i consiglieri in questione, inizieranno, nuovamente, a condividere le nostre scelte politiche”.

 

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.