Advertisement
COMUNI

Minori extracomunitari con stemma Isis nel centro accoglienza ad Acerra

ACERRA. Avevano in bella vista uno stemma dell’Isis disegnato a mano attaccato alla parete, e trascrizioni di versetti del Corano sparsi nella camera, due minori extracomunitari fermati oggi ad Acerra, insieme con altri due minorenni, per l’estorsione nei confronti dei responsabili e degli operatori di un centro di accoglienza. Dalle prime indagini sembra che però i due, da circa un anno in Italia, non siano collegati a cellule del terrorismo islamico. La scoperta è stata fatta dopo che il responsabile di un centro di accoglienza per minori non accompagnati, aveva denunciato le continue minacce da parte di quattro minori, che pretendevano vestiti firmati e telefoni cellulari. Il responsabile della struttura aveva anche informato il Comune delle continue minacce, e dall’Ente era partita l’informativa alla Procura della Repubblica, ai carabinieri ed alla polizia. Dopodiché è scattata la denuncia ed il conseguente intervento dei carabinieri, i quali entrati in una delle camere hanno trovato lo stemma dell’Isis disegnato a mano attaccato ad una parete, e le trascrizioni di versetti di Corano sparsi nella stanza. I quattro, tre provenienti dal Gambia e uno dalla Guinea, sono accusati di estorsione, e sono stati portati nel centro di prima accoglienza ai Colli Aminei a Napoli.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.