Advertisement
COMUNI

Manutenzione carente, il Parco di Villa Vannucchi nel degrado. Sos dei cittadini al Sindaco di San Giorgio a Cremano

2016-22-6--09-08-57San Giorgio a Cremano. Il parco di Villa Vannucchi,  villa del XVIII secolo tanto cara agli abitanti della città dell’hinterland vesuviano, malcurato ed abbandonato all’incuria, con erbacce che crescono a dismisura, tanto che le segnalazioni e le denunce dei cittadini oramai non si contano più e si alza il coro di protesta dei sangiorgesi che, soprattutto attraverso i social, chiedono agli amministratori locali di correre ai ripari e di risolvere il problema di quella che ironicamente alcuni hanno ribattezzato ‘Foresta Vannucchi’. I tanti cittadini che frequentano la struttura pubblica chiedono l’invio immediato delle squadre di manutenzione per falciare l’erba malcurata, quella secca non tagliata e provvedere alla mancata potatura delle alberature, per tutelare, soprattutto ora che la bella stagione è finalmente arrivata, la salute pubblica dei fruitori del parco pubblico, compromessa dalla presenza di insetti e roditori vari che vivono tranquilli nel verde incolto. Un vero e proprio sos quello lanciato dai sangiorgesi al primo cittadino perché risolva al più presto il problema e dall’entourage del sindaco Giorgio Zinno hanno fatto sapere che i giardinieri sono già all’opera per mettere fine allo stato di degrado in cui vessa la Villa della città vesuviana con le necessarie azioni antidegrado: “gli interventi di manutenzione e giardinaggio sono già iniziati – assicurano – come è possibile constatare di persona se si fa una passeggiata a Villa Vannucchi”. Che l’amministrazione comunale dovesse intervenire per riparare allo stato di degrado del parco urbano è un dato di fatto ma a preoccupare è anche l’atteggiamento di una parte di cittadini che evidentemente, lo dimostra lo stesso scenario, non sentono in alcun modo il legame con l’ambiente che li ospita e che sfogano la loro estraneità con atti vandalici nei confronti del bene comune: bottiglie di birra vuote, bicchieri, lattine, involucri di merendine, mozziconi e pacchetti vuoti di sigarette, fazzoletti sporchi e cartacce sono infatti tra i rifiuti abbandonati tra gli alberi e le piante cresciute a dismisura ed offrono uno spettacolo deprimente.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.