Advertisement
SALUTE E BENESSERE

Manovre salvavita, incontro organizzato dai Cinquestelle di San Giorgio a Cremano

primo-soccorsoSan Giorgio a Cremano. Venerdì 15 Luglio, dalle ore 18 alle 20,  lo Spazio5Stelle di San Giorgio a Cremano, sito in Via de Lauzieres n. 5, ospiterà un incontro sulle principali tecniche salvavita, organizzato dalle donne del Movimento5Stelle nell’ ambito delle iniziative promosse dal Tavolo Rosa per le Pari Opportunità.  Il relatore dell’incontro sarà il dr. Domenico Tartaglia, specialista in area critica cardiologica ed istruttore per ltalian Resuscitation Council, coadiuvato da una serie di istruttori che praticheranno dimostrazioni di Bls-d e Bls-d Pediatrico, di disostruzione delle vie aeree nei lattanti, nei bambini e negli adulti. In merito all’ iniziativa queste sono le dichiarazioni delle donne del Movimento5Stelle di  San Giorgio a Cremano: “ L’incontro è finalizzato alla sensibilizzazione verso il pronto riconoscimento di un arresto cardiaco ed il pronto intervento. Infatti le percentuali di sopravvivenza nei pazienti vittime di arresto cardiaco extra-ospedaliero in Italia ed in Europa sono ancora basse, perché la maggior parte dei cittadini non sa come fare la rianimazione cardiopolmonare (RCP). Qualora ci si trovasse dinanzi ad un adulto che si accascia improvvisamente a terra per arresto cardiaco, oppure ad un lattante o ad un bambino in preda a soffocamento causato da inalazione di latte, cibo o piccoli oggetti, bisogna intervenire subito chiamando i numeri di emergenza 118 o 112, dove gli operatori delle centrali guidano nelle diverse fasi del soccorso, e poi procedere con le tecniche salvavita della “catena della sopravvivenza”. Per il comune cittadino (meglio ancora se addestrato), la chiamata d’aiuto da fare immediatamente per avviare la cosiddetta dispatcher-assisted CPR o telephone CPR , cioè la rianimazione cardiopolmonare guidata per telefono dall’operatore, è la novità più importante delle nuove Linee guida internazionali sulla rianimazione cardiopolmonare (2015) che aumenta di 2-3 volte la percentuale di sopravvivenza  di chi va incontro ad un arresto cardiaco. Pertanto, se riuscissimo a incrementare questo tasso, ogni anno in Europa potremmo salvare 100 mila vite in più. Le azioni descritte nei quattro anelli – se eseguite in modo corretto – spesso fanno la differenza tra la vita e la morte di una persona. Non solo! Decidono anche della qualità della sua vita futura!  Di tutto questo parleremo nell’ incontro del 15 luglio, al termine del quale verrà offerta una deliziosa e fresca <<cocomerata>>!”  (Comunicato stampa)

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.