Advertisement
SPECIALE ELEZIONI COMUNALI A VOLLA

Elezioni a Volla, i parroci ai candidati: “conoscere in profondità le situazioni e cercare soluzioni”

MUNICIPIO VOLLAVOLLA – “Convergenza su alcuni reali problemi da risolvere, e finalmente portare fuori dal grigiore la nostra cittadina”. E’ quanto chiedono don Antonio Smimmo, don Federico Saporito e don Vittorio Sannino, parroci delle comunità cristiane ‘S. Maria delle Grazie e S. Gennaro a Caravita’, ‘Immacolata e San Michele’ ed ‘Immacolata a Tavernanoce’ di Volla, ai quattro candidati sindaco ed a tutti gli aspiranti consiglieri comunali  per le elezioni amministrative del 5 giugno prossimo quando gli abitanti della cittadina annonaria, sceglieranno quelli che governeranno Volla per i prossimi cinque anni. In una lettera aperta, pubblicata anche sui social network, i tre sacerdoti chiedono a tutti i politici, al di là di chi vincerà le prossime elezioni, maggiore impegno per le fasce più deboli della popolazione perché “non si tratta di distribuire pacchi di viveri – dicono – ma di conoscere in profondità le situazioni e cercare soluzioni”. L’attenzione dei preti vollesi si rivolge poi ai problemi che, ormai da troppi anni, compromettono seriamente la vivibilità nella cittadina dell’hinterland vesuviano e chiedono a politici di risolverli ancor prima di metter mano ai nuovi progetti che riempiono i programmi di governo di tutte le coalizioni: “strade che si allagano, illuminazioni insufficienti o del tutto mancanti, servizi di trasporto pubblico carente, disfunzione nei servizi, impoveriscono il territorio e svantaggiano i più deboli economicamente e/o fisicamente”, sottolineano infatti don Antonio, don Federico e don Vittorio. Il prossimo 5 giugno, a sfidarsi nell’agone politico, ci saranno, Luciano Manfellotti (Forza Italia, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, ‘Moderati per Volla’, ‘Volla al Centro’, ‘Terra Nostra’), Sergio Vaccaro (Movimento 5 Stelle), Domenico Viola (Partito Democratico, ‘Per Volla diamoci una mano’, ‘Rinascita e Rinnovamento’) ed Andrea Viscovo (‘Cittadini X Volla’, ‘CambiAmo verso’, ‘RisolleviAmo Volla’) ed ora che la campagna elettorale è agli sgoccioli ed il clima abbastanza infuocato, l’invito dei prelati vollesi è quello di mettere da parte le polemiche e ad estirpare il ‘seme della discordia’: i quattro sacerdoti, infatti, fanno una ‘tiratina d’orecchie’ a tutti i competitor che strumentalizzano “anche situazioni gravi per parlare male del rivale politico e dell’amministrazione di turno. È proprio triste assistere a questo ‘circo’, che abbiamo visto recentemente in opera sia contro l’amministrazione di centrodestra che contro quella di centrosinistra”.  Naturalmente, con la loro ‘lettera aperta’, i tre parroci non hanno alcuna intenzione di condizionare le scelte elettorali dei fedeli “perché – scrivono – sappiamo che ogni candidato sindaco ha la sua rispettabilità, ed anche il giusto entusiasmo per potersi impegnare a portare avanti i programmi elettorali”. “ Agli elettori – continuano don Antonio, don Federico e don Vittorio – vogliamo dire di votare le persone in cui ripongono fiducia. In tutti i gruppi ci sono persone rispettabili, ma è importante guardare a quei candidati che coniugano capacità e onestà, perché le capacità senza l’onestà e l’onestà senza capacità sono già segni sufficienti che indicano che queste persone non sono idonee all’impegno pubblico”.

Il testo della lettera aperta dei parroci di Volla ai candidati alle elezioni amministrative del 5 giugno prossimo
Il testo della lettera aperta dei parroci di Volla ai candidati alle elezioni amministrative del 5 giugno prossimo

 

 

 

 

 

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.