Advertisement
SPECIALE ELEZIONI COMUNALI A VOLLA

Elezioni Comunali a Volla, meno della metà dei votanti in cabina elettorale per il ballottaggio

ALLUENZA ALLE URNEORE 23 Più della metà dei vollesi ha disertato le urne che erano state aperte fino a qualche minuto fa per consentire agli elettori della cittadina annonaria di votare per il proprio candidato sindaco tra i due in corsa al ballottaggio, Andrea Viscovo e Luciano Manfellotti, dopo che lo scorso 5 giugno nessuno dei quattro aspiranti all’incarico aveva raggiunto il quorum necessario al primo turno per  assumere la guida del governo locale per i prossimi cinque anni. L’affluenza alle urne ha infatti fatto registrare un netto calo e la percentuale di quelli che, nel segreto della cabina elettorale, hanno espresso la propria preferenza si è assestata soltanto al 47,91%, a fronte del 69,68% del primo turno, nonostante hashtag e propaganda sui social abbiano infiammato la campagna elettorale sul web fino al photofinish di questo secondo turno delle amministrative. Più passano gli anni, più i dati sulla partecipazione della popolazione ai vari election day attestano un crescente disinteresse dei cittadini per la politica: così anche a Volla dove, per il secondo turno delle elezioni amministrative del 2012, in cabina erano entrati 9.905 elettori (55,99%), l’8,8% circa in più di quelli che, votando oggi, si sono presi la responsabilità di scegliere chi indosserà la fascia tricolore del paese fino al 2021. Il crollo netto dell’affluenza, oltre che alla probabile sfiducia dei cittadini nei confronti della classe politica, in linea con il trend nazionale, potrebbe essere stata determinata anche, almeno a Volla, dall’immediata uscita di scena dei candidati sindaco sconfitti al primo turno che, non solo hanno preferito non siglare ‘apparentamenti’, almeno ufficiali, con i competitor ancora in gara ma che neppure hanno voluto influenzare le scelte di quanti li avevano sostenuti lo scorso 5 giugno, lasciando i propri elettori liberi di votare secondo coscienza. L’ora ‘X’ è scoccata da qualche minuto, le urne sono chiuse ed il dato di fatto è che ormai “Rien ne va plus, les jeux sont faits”:  adesso non c’è altro da fare se non attendere il verdetto finale con il quale, terminate le operazioni di scrutinio, verrà finalmente svelata l’identità del neoeletto sindaco che, probabilmente, si saprà solo a notte fonda.

ORE 19 – Quando manca ormai pochissimo alla fine del secondo turno delle elezioni amministrative 2016, la percentuale dei votanti per l’elezione del sindaco che amministrerà la cittadina annonaria non ha superato il 50% degli aventi diritto al voto: quando ormai l’election day volge al termine, infatti, ad entrare nei seggi vollesi è stato, secondo i dati ufficiali forniti dal Ministero degli Interni, solo il 28,61% dell’elettorato locale a fronte del 44,99% che invece aveva fatto ingresso in cabina elettorale quindici giorni fa alla stessa ora. La presenza ai seggi di meno del 30% dei vollesi è dato che desta non poca preoccupazione quando sono già passate dodici delle sedici ore a disposizione per esprimere, tracciando sulla scheda un segno sul nome del candidato sindaco prescelto, la propria preferenza politico-amministrativa. Tra meno di quattro ore le urne saranno chiuse: i due aspiranti primo cittadino ed i loro rispettivi entourage, già impegnati a convincere i vollesi ad esercitare il diritto-dovere elettorale recandosi alle urne e magari a votare per loro, hanno ormai le ore contate e la tensione, con il passar del tempo, aumenta sempre più.

ORE 12 – Gli elettori della cittadina annonaria sono chiamati ad eleggere, al secondo turno, il Primo Cittadino che amministrerà il paese per i prossimi cinque anni dopo che quindici giorni fa nessuno dei quattro aspiranti alla carica aveva raggiunto il quorum necessario per essere eletto. Nel segreto della cabina elettorale, fino a mezzogiorno, sono entrati, secondo i dati ufficiali forniti dal Ministero degli Interni, il 12,31% degli aventi diritto al voto che, in totale, sono 18.461. Alla stessa ora, all’election day di quindici giorni fa aveva votato il 17,84% degli aventi diritto: i dati della prima rilevazione attestano quindi una percentuale di votanti in ribasso di circa cinque punti percentuali rispetto al 5 giugno scorso. Gli abitanti della cittadina annonaria avranno tempo fino alle 23 di oggi per entrare nei seggi ed esprimere la propria preferenza per uno dei due competitor, subito dopo inizierà lo spoglio ed il conteggio dei voti a favore dell’uno o dell’altro candidato che si concluderà con l’ufficializzazione dell’identità della nuova fascia tricolore vollese.

ARTICOLI CORRELATI

Vollesi alle urne il 19 giugno, come si vota al ballottaggio 

Volla alle urne, Manfellotti e Viscovo al ballottaggio. La scelta del sindaco rinviata di due settimane.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.