Advertisement
SPECIALE ELEZIONI COMUNALI A VOLLA

Elezioni Amministrative a Volla, ex assessore di centrosinistra capolista con Viscovo sindaco

 Gianluca Pipolo
                         Gianluca Pipolo

VOLLA – “Una scelta di coerenza”, così Gianluca Pipolo, ex assessore dell’esecutivo di centrosinistra che ha governato la cittadina annonaria dal 2012 al 2015, ha definito la sua decisione di entrare a far parte della coalizione che sostiene la candidatura a sindaco dell’avvocato Andrea Viscovo per le elezioni amministrative di giugno prossimo. Esponente di rilievo dell’esecutivo targato Angelo Guadagno, nelle sue mani c’erano ben nove deleghe assessorili, Pipolo è stato ‘corteggiato’ da diversi partiti ed ha preso parte a numerose consultazioni prima di scegliere di posizionarsi definitivamente nel contesto civico per il quale sarà capolista di ‘Volla cambia verso’ e di abbandonare definitivamente il Partito Democratico vollese del quale era stato espressione nella giunta comunale fino allo scorso anno. «Ho preso le distanze dal Pd perché non condivido più il modo di far politica del partito sul territorio, che lo ha portato al completo isolamento dalla realtà locale», ha spiegato il politico. «Dopo la fine dell’era Guadagno, poi – ha continuato Pipolo – sarebbe stato il caso di indire le primarie per la scelta del nuovo candidato sindaco dei democratici, soprattutto per riavvicinare la gente al partito ed invece il nome del dottor Domenico Viola è stato deciso nelle ‘segrete stanze’ e calato dall’alto. Questo è stato un altro motivo che mi ha disaffezionato al mio vecchio partito e spinto a candidarmi altrove ma ci tengo a chiarire che, anche se sono posizionato in uno schieramento civico per le elezioni comunali, resto comunque un uomo di centrosinistra». I primi a strizzare l’occhio all’ex assessore democrat, forse addirittura in tempi non sospetti, erano stati i leader di ‘Area Comune-Volla al Centro’ che però non sono riusciti ad iscrivere il giovane politico nelle fila della loro compagine: «non nascondo che, inizialmente, mi sono sentito coinvolto nel progetto propostomi da Petrone e Manfellotti. L’idea di mettere il nostro paese al centro dell’azione politico-amministrativa mi affascinava, poi i vertici hanno deciso di trasformare il programma iniziale in uno schieramento molto, molto spostato a destra e di schierare i simboli di partito ed a quel punto mi sono alzato dal tavolo», ha spiegato Pipolo. Forte dell’esperienza amministrativa in settori cruciali della macchina comunale (ecologia, sanità, verde pubblico, arredo urbano ed immagine della città, politiche abitative, cimitero), il giovane politico vollese ha deciso di scendere ancora una volta nell’agone politico, questa volta al fianco di un vecchio amico, conosciuto ai tempi del liceo, per mettere al servizio del suo paese le competenze maturate finora: «credo di essere stato un buon assessore, di aver lavorato bene, come mi hanno certificato spontaneamente anche numerosi miei concittadini e per questo ho deciso di rimettermi a servizio del paese con un gruppo di giovani che, oltre ad avere grinta e voglia di lavorare, ha idee concrete e fattibili per migliorare Volla», ha spiegato il 35enne ex assessore comunale. «Quando ero delegato all’ambiente ed all’ecologia, ho contribuito a portare la soglia di raccolta differenziata dal 38 al 65,4% mentre ora il paese è nuovamente una discarica abusiva a cielo aperto. Stesso discorso vale per gli altri aspetti che ho curato nei tre anni da assessore. Ecco perché torno in campo, per ricominciare da dove avevo lasciato».          

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.