Advertisement
COMUNI

Consiglio Comunale a Volla, nessuna variante al Prg tra gli argomenti della prossima riunione

PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNALE VOLLAVolla. Buona parte dei Consiglieri Comunali di maggioranza ed opposizione assicura, ad oggi, di non aver ricevuto  alcuna comunicazione dall’Ufficio di Presidenza del Parlamentino cittadino in merito a modifiche dell’ordine del giorno della prossima assise locale, smentendo così quanto aveva sostenuto Ivan Aprea, esponente della lista civica ‘RisolleviAmoVolla’, che appoggia il sindaco Andrea Viscovo. A confermare le affermazioni dei politici locali, quando mancano solo tre giorni alla seconda riunione dell’Assemblea cittadina vollese ed i termini, previsti dalla normativa vigente, per l’aggiunta di nuovi punti all’ordine del giorno del Consiglio Comunale sono ampiamente scaduti, c’è anche l’Albo pretorio dell’Ente dove non risulta nessuna variazione alla scaletta degli argomenti che saranno sottoposti al vaglio dell’assise locale il prossimo 25 luglio. Sul sito istituzionale del Comune di Volla, infatti, non sono rintracciabili documenti che facciano ipotizzare la volontà dell’Amministrazione Comunale di trattare temi diversi da quelli elencati nella  convocazione sottoscritta, il 18 luglio scorso, dal Presidente del Parlamentino della cittadina annonaria Pasquale Di Marzo, che resta la sola comunicata ufficialmente.

Ivan ApreaInoltre, per aggiungere nuovi argomenti alla scaletta delle assemblee locali è necessario convocare una conferenza dei capigruppo e, secondo i beninformati, questo non è stato fatto, escludendo ulteriormente che “il Consiglio dovrà esprimersi se approvare o no una variante al piano regolatore in via de Carolis per un esercizio commerciale” come invece aveva sostenuto Aprea, commentando un articolo de ‘lagazzettamagazine.it’. La variante al Prg di cui, secondo un solo consigliere di maggioranza, il Parlamentino avrebbe dovuto discutere, riguarderebbe la trasformazione di alcune aree agricole in via De Carolis in zone per attività produttive: un tema particolarmente spinoso per un territorio dove ancora non c’è un Piano Urbanistico Comunale (Puc) nonostante i tentativi, almeno delle precedenti due ultime amministrazioni locali, di far approvare l’importante documento di pianificazione territoriale senza però riuscirci. Un ‘caso’ controverso anche perchè a Volla non c’è nemmeno il  Siad, lo strumento integrativo per le attività di produzione e distribuzione, insomma il piano commercio. La questione delle variazioni urbanistiche è un argomento particolarmente caro agli abitanti della cittadina annonaria che si lamentano della ‘cementificazione selvaggia’ del loro territorio determinata anche dalla mancanza di adeguati strumenti di pianificazione territoriale. Accertato che, il prossimo 25 luglio, i rappresentanti di maggioranza ed opposizione non si confronteranno su nessuna Variante Semplificata al Prg,  gli argomenti all’ordine del giorno dell’assemblea locale restano quelli elencati nella convocazione datata 18 luglio 2016: ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio anno 2016; documento unico di programmazione (2017/2019); nomine componenti commissioni consiliari; varie ed eventuali ed interrogazioni.

ARTICOLI CORRELATI

Volla. Variante al piano regolatore: il punto aggiuntivo per il prossimo Consiglio comunale ‘spunta’ su facebook

Consiglio Comunale di mezz’estate a Volla, si discute su questioni di bilancio ma non solo

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.