Advertisement
COMUNI

Consiglio Comunale di mezz’estate a Volla, si discute su questioni di bilancio ma non solo

consiglio comunale vollaVolla. Riunione del Consiglio Comunale della cittadina annonaria, in seduta pubblica, il prossimo 25 luglio, alle ore 9.30, nell’aula ‘Michele Scarpato’ del Municipio di via Aldo Moro. Qualora non dovesse essere raggiunto il numero legale per la validità della seduta, la seconda convocazione dell’Assemblea Civica è fissata per il 30 luglio, nello stesso luogo ed alla stessa ora. Il Parlamentino locale, insediatosi ufficialmente lo scorso 14 luglio, dovrà innanzitutto verificare tutte le voci di entrata e spesa, compreso il fondo di riserva e il fondo di cassa, al fine di mantenere gli equilibri di bilancio per l’anno 2016, adempimento che ha nel 31 luglio prossimo il termine perentorio di scadenza. E, sempre in ambito economico-finanziario, il civico consesso vollese, presieduto da Pasquale Di Marzo, dovrebbe approvare il documento unico di programmazione (2017/2019), redatto dall’Amministrazione locale e presentato all’organo di governo cittadino dall’assessore Vincenzo Del Vecchio, delegato del primo cittadino Andrea Viscovo a Bilancio e Tributi.  Il Dup (documento unico di programmazione) è essenziale perché rappresenta il presupposto a tutti gli altri documenti programmatici e la base sulla quale costruire le prospettive di crescita e sviluppo della comunità nel prossimo triennio.

Particolare interesse, però, suscita il punto all’ordine del giorno dell’assemblea sull’istituzione delle AULA CONSILIARE VOLLAcommissioni consiliari permanenti su proposta dei vari gruppi politici che compongono il Parlamentino della cittadina annonaria. Voci di corridoio sostengono che la scelta dei componenti delle delegazioni sarà rapida ed indolore perché nomi ed incarichi sarebbero già stati definiti nel corso di una riunione ‘top secret’ ancor prima della seduta numero uno del Consiglio Comunale: prova del raggiungimento dell’accordo tra le parti, secondo i beninformati, sarebbe l’elezione al primo turno di voto ed all’unanimità del Presidente e del Vicepresidente del Parlamentino locale, lo scorso 14 luglio, che sarebbe stata parte integrante dell’intesa tra tutte le forze partitiche e civiche che compongono l’Assise locale, comprese quelle solitamente più restie a conformarsi alla massa.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.