Advertisement
CRONACA PRIMO PIANO

Carabinieri sequestrano auto a Pomigliano, forse usata per agguato a Castello di Cisterna

arresto omicidio korol
l’arresto di Gianluca Ianuale e Marco Di Lorenzo avvenuto un anno fa

CASTELLO DI CISTERNA. Un’utilitaria abbandonata in via Iotti a Pomigliano d’Arco, potrebbe essere l’auto usata da chi ieri ha sparato contro Roberto Ianuale, il 21enne figlio del boss in galera Vincenzo, detto ‘o squadrone, ferendolo con un colpo alla gamba. I carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna hanno ritrovato l’utilitaria nel corso delle indagini per risalire agli autori dell’agguato, e ritengono che verosimilmente sia la stessa usata dagli autori della sparatoria avvenuta a pochi metri dal Comune di Castello di Cisterna. Durante “perquisizioni per blocchi di edifici” eseguite negli stabili della Cisternina e della 219, i militari hanno anche arrestato un 44enne del posto, Gennaro Longo, che deteneva una semiautomatica ed il relativo munizionamento. Un’arma che ora i militari hanno inviato al Racis di Roma per verificare il suo eventuale utilizzo in fatti di sangue o intimidazione, o nell’agguato avvenuto ieri. Saranno gli esami sull’arma a dirimere eventuali dubbi. Ancora avvolto nel mistero, invece, il movente dell’agguato, che ha contorni tutti da definire. Ianuale, infatti, che ha precedenti penali per fatti commessi quando ancora era minorenne, è figlio del boss Vincenzo, il cui clan ancora non è stato del tutto debellato dal territorio. Ma in famiglia, oltre al capoclan, conta anche il gemello Gianluca, ed il fratellastro Marco Di Lorenzo, condannati a 20 anni di carcere per l’omicidio di Anatoliy Korol, il muratore eroe ucciso mentre cercava di sventare una rapina in un supermercato di Castello di Cisterna. I due attualmente sono collaboratori di giustizia, e l’agguato di ieri potrebbe anche essere stato un avvertimento per i fratelli. Saranno le indagini a chiarire perchè Roberto Ianuale è finito nel mirino dei mancati killer.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.