Advertisement
PRIMO PIANO

‘Bionde’ di contrabbando nascoste in blocchi di calcestruzzo, baschi verdi arrestano due contrabbandieri

Marano. Nell’ambito della quotidiana attività di prevenzione generale e di controllo economico del territorio, a cura del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, sono stati intensificati i servizi tesi al contrasto dei traffici illeciti, specie con riferimento alla recrudescenza del fenomeno del contrabbando di tabacchi lavorati esteri. In tale contesto, i finanzieri del Gruppo di Pozzuoli, agli ordini del maggiore Michelangelo Tolino, nel corso di un servizio di perlustrazione notturna, hanno individuato un capannone di circa 600 mq, ubicato nella zona industriale di Marano di Napoli ed utilizzato come luogo di stoccaggio di sigarette di contrabbando. In particolare, all’esterno della struttura, i baschi verdi hanno fermato

un automezzo che, al momento dei controlli, è risultato carico di sigarette. La successiva perquisizione del deposito ha permesso alle Fiamme Gialle di identificare il responsabile della gestione, un 48enne di Marano, e di ritrovare ulteriori tabacchi, occultati all’interno di blocchi di calcestruzzo alleggerito e di automezzi già pronti per effettuare la distribuzione al dettaglio della merce sul mercato nero. In totale, i militari hanno rinvenuto e messo sottochiave 2.270 chili di tabacchi lavorati e pronti per essere venduti illegalmente che, secondo le stime dei finanzieri, avrebbero fruttato oltre 350mila euro ai gestori del traffico illecito. Il conducente del tir carico di ‘bionde’ ed il gestore del deposito dove i baschi verdi hanno ritrovato le sigarette di contrabbando sono stati ammanettati, in flagranza di reato ed ora sono a disposizione dell’autorità giudiziaria competente. Oltre alle due tonnellate e più di ‘bionde’ di contrabbando, le Fiamme Gialle hanno messo i sigilli al deposito dove erano custodite ma anche a sette automezzi, di cui uno strutturalmente modificato con la creazione di un ‘doppio fondo’ ed a due carrelli elevatori, che gli investigatori ritengono fossero utilizzati per la gestione della merce da contrabbandare. La lotta ai traffici illegali in genere ed il contrasto al contrabbando da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, oltre a garantire condizioni partitarie di concorrenza tra gli operatori economici, tutela la salute dei consumatori e restituisce risorse allo Stato.

 
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.