Advertisement
DALLA CAMPANIA

Attentato in Bangladesh. Lopa e Catapano, ”Lasciate le bandiere dell’Italia alle finestre”

 

Napoli. ”Il Paese deve ricordare e accogliere nel modo più degno i nostri caduti in Bangladesh. Per questo chiediamo a tutti i cittadini Italiani di dare un segnale di rispetto e di partecipazione al dolore dei familiari esponendo e principalmente lasciando alla finestra e ai balconi della propria casa, la bandiera tricolore messa in occasione degli europei di calcio”. E’ l’appello lanciato dal portavoce di Prima l’Italia Napoli, Rosario Lopa e dal Dirigente di Napoli Capitale, Alfredo Catapano. ”Abbiamo inviato una missiva alla Regione, Comune e alle istituzioni presenti sul territorio – hanno aggiunto – affinché si adoperino per ricordare l’ennesimo atto di terrorismo che vede anche una vittima campana. Ma al di là d quello che faranno le istituzioni – hanno concluso Lopa e Catapano – pensiamo che tutti i cittadini, al di sopra di ogni appartenenza culturale e divisione politica, debbano dimostrare la propria vicinanza alle vittime che rappresentavano la nostra comunità nazionale, caduti per l’odio religioso, armato dalla ferocia terroristica consumata in Bangladesh”. Un odio che ha visto la furia omicida degli attentatori scagliarsi contro alcune decine di persone sedute ai tavoli in un ristorante a Dacca. Il commando jiadhista ne ha sgozzati 20, tra cui nove italiani, le cui salme rientreranno stasera in Patria. Uno di loro, Vincenzo D’Allestro, imprenditore tessile di 46 anni, era originario di Piedimonte Matese, nel casertano, dove si celebreranno i funerali nei prossimi giorni, così come ha voluto la moglie, Maria Gaudio. La coppia, sposata dal 1993, si era trasferita ad Acerra poco meno di un anno fa, come residenza d’appoggio per raggiungere più facilmente il Cis di Nola, dove ha sede l’impresa tessile per la quale lavoravano entrambi i coniugi. D’Allestro era però prevalentemente all’estero per curare gli affari d’azienda. Ad Acerra il sindaco Raffaele Lettieri ha predisposto il lutto cittadino per il giorno dei funerali, e Piedimonte Matese di prepara ad accogliere definitivamente la salma dell’uomo per l’ultimo saluto.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.