Advertisement
CULTURA E SPETTACOLI - ISTRUZIONE E FORMAZIONE

‘Ataxofilia’, il primo album di Pietro Iossa, giovane talento anastasiano

pietro iossaSant’Anastasia. E’ un giovane emergente della musica, è anastasiano e si chiama Pietro Iossa, e di recente ha rilasciato il suo debut album ‘ATAXOFILIA’ (TwitMix Records) e il videoclip del singolo “I can’t give my dreams”.

“Il mio primo album nasce dall’esigenza di presentarmi e condividere quello che è il mio pensiero musicale – dice l’artista – Ataxofilia è il manifesto del mio essere artista, ossessionato dalla diversità, celebrata musicalmente attraverso sperimentazioni mirate, originate da diversi punti di vista. Dietro ad ogni track c’è una storia: il sangue espulso per le ferite, la gioia di capirsi, i dubbi di questa età, iniezioni di vita.  Ataxofilia nasce dalla mia intuizione, contenuta nelle lyrics del brano che dà il titolo all’intero album: Se l’ordine è il piacere della tua ragione, il disordine è l’orgasmo della mia immaginazione”.

Nel videoclip, prodotto da Dali Sky di Needful Records, girato a Napoli, Pietro Iossa viene affiancato da Agnese Pettini, una giovane attrice emergente romana.

Il singolo “I can’t Give My Dreams” non ha dato il benvenuto solo all’estate col suo ritmo funky ma anche al nuovo album, Ataxofilia, nel quale ha voluto sperimenta diversi generi, tra i quali il Pop, Hip Hop, Rock, Reggae, R&B Funk and Soul, Nu Jazz con l’obiettivo di palesare al suo pubblico la sua complessa identità musicale.

Pietro è anche l’autore di tutti i pezzi contenuti in Ataxoflia, che conta una rosa di 9 brani inediti sia in italiano che in inglese. In questo progetto musicale Pietro è stato affiancato dagli ingegneri del suono Di Nunzio (NMG Studio), dall’arrangiatore Luigi Merone, dalla manager ed Executive Producer Antonella Corsetti. L’album per gli esperti del settore, già conferma di essere un’interessante novità nel panorama discografico italiano.

In tanti ricorderanno il giovane talento che nel 2013 partecipa all’ottava edizione di X Factor Italia nei Komminuet, entusiasmando i giudici e il pubblico durante le performance Live.

Il giovane talentuoso che nasce alle falde del Vesuvio, è da definirsi aperto verso tutti i generi musicali, fatto che emerge anche nella sua specialità, la Beatbox, che sperimenta in modo autonomo fin da bambino. Scrive Pop e Rap, nasce come Street, partecipa a diverse Gare online europee, italiane e regionali polistrumentali. Studia cinematografia, infatti ama, oltre alla musica, il teatro ed il cinema.  Nel 2013 viene scelto come coach di “Altrimenti ci arrabbiamo”, il programma presentato da Milly Carlucci su Rai1 ed ha collaborato con radio quali – RTL e Rai Radio Due.

Un percorso musicale ricco di esperienze, quelle maturate da Pietro in questi tre anni dal suo debutto, durante i quali ha calcato palchi in Svezia con l’orchestra vocale “Numeri Primi”. Il singolo “Irresponsabile”, segna l’inizio della sua carriera da solista, che nel marzo del 2016, gli fa pubblicare il suo secondo singolo “Amore in Disuso” seguito dal terzo singolo, e il primo in inglese, “I can’t give my dreams” per approdare a questo luglio con il suo primo album da solista.

L’album è disponibile su tutti i digital store e sulle piattaforme streaming.

Maria Beneduce

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.