Advertisement
SPECIALE ELEZIONI COMUNALI A VOLLA

Amministrative Volla, giochi ancora aperti nelle coalizioni che si sfideranno il 5 giugno prossimo

VOLLA – Sale la tensione tra i candidati e tra i partiti di centrodestra, di centrosinistra e gli schieramenti civici che si stanno preparando alla sfida all’ultimo voto per le elezioni amministrative in città, che si svolgeranno il 5 giugno prossimo quando i vollesi, nel segreto della cabina elettorale, sceglieranno il sindaco ed i consiglieri comunali. Un solo giorno di voto per la scelta degli organismi amministrativi comunali: si voterà la domenica, dalle ore 7 alle ore 23. Mentre le segreterie politiche affrontano l’arduo compito di completare le liste  elettorali, che dovranno essere presentate in Municipio insieme a tutta la documentazione richiesta dalla legge entro le ore 12 del 29° giorno antecedente la data della votazione, gli abitanti della cittadina annonaria attendono risposte concrete da quanti si propongono come amministratori locali che cambieranno il futuro di Volla.

L’ex numero due dell’ente di via Aldo

Luciano Manfellotti
Luciano Manfellotti

Moro scioglie definitivamente la riserva che aveva posto qualche settimana fa e conferma ufficialmente la sua candidatura nella coalizione che accomuna moderati ed esponenti della destra cittadina. Luciano Manfellotti, sostenuto da una coalizione composta, oltre che dai centristi di ‘Area Comune – Volla al centro’ anche da Forza Italia, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale e dalla lista civica ‘Terra Nostra’, costola di FdI guidata dall’ex assessore comunale Pasquale Picardi, sarà appoggiato anche da Simona Mauriello (163 voti alle ultime comunali con la lista civica ‘Verso il futuro’ che raggiunse le 1001 preferenze totali), vicesindaco della cittadina annonaria dal 2012 al 2015 ed assessore alle politiche sociali, alla pubblica istruzione, alla cultura e spettacolo ed alle pari opportunità dell’esecutivo di centrosinistra presieduto dall’allora sindaco Angelo Guadagno. La Mauriello, probabilmente, sarà capolista del cartello dei moderati ma la collocazione precisa dell’ex first lady vollese sarà resa nota nei prossimi giorni. Niente si sa ancora, invece, sulla migrazione di altre anime del centrosinistra cittadino nelle fila della coalizione che il leader e fondatore del progetto, Pasquale Petrone, aveva annunciato all’indomani del cambio di casacca della Mauriello che sta suscitando un bel po’ di curiosità nei suoi ex elettori che l’hanno vista passare da una civica di centrosinistra ad uno schieramento di centrodestra.

Domenico Viola
Domenico Viola

Gli elettori del centrosinistra vollese, quando mancano meno di due mesi alle urne, si chiedono se davvero la Confcommercio di Volla si colorerà politicamente, come ormai si vocifera in paese, con la formazione di una lista a sostegno del candidato sindaco del Partito Democratico, Domenico Viola che, oltre al Pd, è attualmente sostenuto dal movimento civico ‘Per Volla diamoci una mano’. Nei giorni scorsi la presidentessa dell’Ascom vollese, Rosa Praticò, che nel 2012 si candidò alla carica di sindaco con un cartello di liste civiche, aveva pubblicamente annunciato il suo sostegno all’aspirante primo cittadino dei democrat; ora resta solo da capire se la sindacalista si candiderà in una delle liste della coalizione di centrosinistra o se darà vita ad una civica con lei capolista ed esponenti del terzo settore locale come candidati. Un altro mistero è quello che riguarda l’identità di un’altra lista civica che, secondo i rumor, dovrebbe appoggiare Viola nella battaglia delle urne ed essere composta dai democratici ‘in esubero’ dalla lista ufficiale del Partito Democratico.

Parecchia curiosità destano nei cittadini vollesi anche le ombre che in queste ore caratterizzano la discesa in campo di Sinistra Ecologia e Libertà-Sinistra Italiana che, dopo aver annunciato la propria presenza nell’agone politico per le elezioni amministrative di giugno prossimo, pare non abbia ancora trovato la quadratura del cerchio sul nome del candidato sindaco che rappresenterà i vendoliani vollesi. I rumor dicono che il leader della coalizione sia già stato scelto e che si stia temporeggiando sull’ufficializzazione della sua identità per limare le ultime spigolature: nei corridoi delle segreterie politiche gira il nome di Giovanni Leone, volto storico della politica locale, già candidato in passato nelle fila del partito. Non si esclude ancora, però, la candidatura dell’ex assessore comunale Riccardo Festa. Quel che è certo è che, se ancora non si è scelto il nome dell’aspirante fascia tricolore, Sel-Si ha già chiaro il punto fondamentale del suo programma elettorale; la lotta alla cementificazione selvaggia di Volla. 

Sergio Vaccaro
Sergio Vaccaro

Non ancora ufficiale, anche se solo per una questione tecnica, la candidatura a sindaco di Sergio Vaccaro per il Movimento 5 Stelle: secondo alcune indiscrezioni, infatti, lo storico leader dei pentastellati della cittadina annonaria starebbe attendendo l’ok ufficiale dei vertici nazionali del partito alla sua candidatura. Sarebbe, secondo i beninformati, una questione di ore, al massimo di qualche giorno: la conferma del leader nazionale del partito per Vaccaro, che ha già tentato la scalata al Palazzo di Città con i grillini nel 2012, sarebbe già stata espressa verbalmente e dovrebbe essere confermata ufficialmente a stretto giro.

Andrea Viscovo
Andrea Viscovo

Campagna elettorale difficile, invece, per il candidato sindaco Andrea Viscovo, a capo di un trust di liste civiche che lo sostengono nella battaglia elettorale. Il giovane avvocato, che non risiede nella cittadina annonaria ma lavora a Volla, infatti, starebbe trovando non poca difficoltà nel farsi conoscere ed a diffondere il programma politico delle tre liste civiche, ‘Cittadini X Volla’ – ‘Volla cambia verso’ – ‘RisolleviAmo Volla’ che compongono il suo schieramento, proprio perché poco conosciuto dalla popolazione locale. Qualche problema, poi, Viscovo lo starebbe trovando anche nel mettere insieme le diverse opinioni politiche dei suoi sostenitori che provengono da aree politiche sia di centro che di destra e di sinistra, quindi in alcuni casi diametralmente opposte, come dimostra la convivenza nello stesso schieramento dell’ex vicesindaco di centrodestra Pasquale Guastafierro e dell’ex assessore di centrosinistra, in quota Pd, Gianluca Pipolo.     

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.