Advertisement
PRIMO PIANO

Afragola. Vigili del fuoco ancora al lavoro per spegnere l’incendio divampato ieri nel campo rom

AFRAGOLA. Sono ancora al lavoro i vigili del fuoco, tra la cenere, il fumo, e qualche lingua di fuoco che continua a levarsi nel campo rom distrutto dalle fiamme. I caschi rossi da circa 20 ore sono impegnati per domare il rogo scoppiato nel pomeriggio di ieri, che ormai sembra circoscritto. Come e perché sia scoppiato l’incendio ancora non è chiaro, delle risposte arriveranno dalle indagini che stanno eseguendo i carabinieri della compagnia di Casoria. Sul posto questa mattina c’erano numerose autobotti del 115, i militari dell’Arma e gli agenti della polizia municipale. All’ingresso del sentiero che conduce a quello che è rimasto del campo rom c’erano una decina di nomadi – principalmente bambini – famiglie che ieri non hanno accettato di essere ospitati in un alloggio messo a disposizione dal comune di Afragola. «I bambini – ripeteva stamattina una coppia con tre piccoli al seguito – abbiamo paura per i nostri bambini, hanno detto che li avrebbero portati dalle suore e noi non vogliamo». Intanto l’aria continua ad essere irrespirabile. Sulle ricadute dell’incendio in termini ambientali e di salute il sindaco di Casalnuovo, Massimo Pelliccia, tramite Facebook ha voluto rassicurare i suoi cittadini, che, più di altri, hanno subito gli effetti del rogo. Il campo rom infatti si trova in un’area che affaccia su via Napoli: «Continua l’incessante lavoro delle istituzioni locali e delle forze dell’ordine – ha scritto Pelliccia – già delle prime luci dell’alba è partita una particolare pulizia delle strade, per liberare gli spazi da eventuali polveri. Attendiamo i rilevamenti dell’Arpac circa il monitoraggio emerso dalle centraline istallate nei comuni limitrofi. In arrivo una centralina mobile per monitoraggio ambientale sulla zona interessata dall’incendio. Attendiamo dati ufficiali prima di diffondere qualsiasi tipo di comunicazione, resta fondamentale evitare ogni tipo di allarmismo».

Agata Marianna Giannino

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.