Advertisement
CRONACA

Accoltellamento di due giovani a San Giorgio a Cremano, fermati i responsabili: in manette due 17enni incensurati

San Giorgio a Cremano – Ordinanza di custodia cautelare, firmata dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale dei minori di Napoli, per due 17enni incensurati, residenti nel quartiere ‘Barra’, che i carabinieri del Comando Stazione di San Giorgio a Cremano hanno identificato come autori del raid criminale durante il quale, lo scorso 27 dicembre, in via Manzoni a San Giorgio a Cremano erano rimasti gravemente feriti un 22enne di Napoli ed un 23enne del posto. Visionando i filmati del sistema di videosorveglianza presente sul territorio cittadino e quelli delle telecamere di proprietà dei locali davanti ai quali si è verificato l’episodio, i militari sangiorgesi, agli ordini del comandante Gerardo Avolio, hanno identificato i responsabili, inchiodati alle loro responsabilità anche dalle testimonianze di chi aveva assistito alla scena. I due minorenni, fermati ieri mattina, dovranno rispondere dell’accusa di tentato omicidio per aver accoltellato, a seguito di una lite per futili motivi, due malcapitati: la prima vittima, soccorsa e trasportata all’ospedale ‘Maresca’ di Torre del Greco, era stato medicato per varie ferite d’arma da taglio e giudicato guaribile in 7 giorni mentre l’altra, trasportata d’urgenza al ‘Loreto Mare’ era stata ricoverata in prognosi riservata per ferite potenzialmente mortali in varie parti del corpo.

Il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, si è ufficialmente congratulato con gli uomini della Benemerita cittadina che, in soli dieci giorni, hanno concluso le indagini che, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Napoli, hanno portato all’identificazione dei responsabili dell’accoltellamento di due giovani, lo scorso 27 dicembre, in via Manzoni, all’esterno di due noti locali. “Un plauso va ai nostri Carabinieri che in pochissimo tempo hanno identificato i responsabili di quel gesto criminale che poteva finire in tragedia. – ha infatti sottolineato la fascia tricolore sangiorgese – Ho appreso che alle indagini sono state molto utili le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza che abbiamo installato su territorio e questo conferma la necessità di agire in maniera complementare: istituzioni e forze dell’ordine. “Il fermo dei responsabili di questo brutto episodio è un segnale che lascia intendere che chi compie reati in questa città viene punito ma – ha concluso Zinno – dobbiamo tenere alta la guardia al fine di rendere San Giorgio a Cremano una città sempre più sicura”.  

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.